giovedì 22 dicembre 2011

BUON NATALE

I l v a l o r e d i u n s o r r i s o
di P. Faber
Donare un sorriso
Rende felice il cuore.
Arricchisce chi lo riceve
Senza impoverire chi lo dona.
Non dura che un istante,
Ma il suo ricordo rimane a lungo.
Nessuno è così ricco
Da poterne fare a meno
Né così povero da non poterlo donare.
Il sorriso crea gioia in famiglia,
Da sostegno nel lavoro
Ed segno tangibile di amicizia.
Un sorriso dona sollievo a chi è stanco,
Rinnova il coraggio nelle prove,
E nella tristezza è medicina.
E poi se incontri chi non te lo offre,
Sii generoso e porgigli il tuo:
Nessuno ha tanto bisogno di un sorriso
Come colui che non sa darlo.

Un giorno senza un sorriso è un giorno perso
(Charlie Chaplin)

lunedì 19 dicembre 2011

Lista di controllo sul pericolo rappresentato da scivolamenti o cadute

Potete affermare che i pavimenti nella vostra azienda sono sicuri?

In molte aziende oltre il 25% degli infortuni è rappresentato da scivolamenti o cadute. E’ possibile ridurre questo rischio prestando maggiore attenzione alla cura e alla manutenzione della pavimentazione nell’azienda.

I principali pericoli sono:
  • scalini, soglie e ostacoli vari;
  • scale e pavimenti lisci, scivolosi;
  • pavimenti irregolari e danneggiati.

Il SUVA ha realizzato e pubblicato una lista di controllo per individuare meglio queste fonti di pericolo.


Consulta la guida 







lunedì 24 ottobre 2011

Linee Guida per un uso corretto dei videoterminali

L’area Ambiente e Sicurezza dell’Università di Pavia, ha pubblicato un documento per il corretto utilizzo dei videoterminali con particolare riferimento agli ambienti e alle attrezzature di lavoro.

venerdì 14 ottobre 2011

Corsi on line sicurezza

www.fadsicurezza.com

Corsi on line Sicurezza nei Luoghi di Lavoro e HACCP

LA SICUREZZA PER GLI OPERATORI DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI E DELL'IGIENE URBANA

Dall'INAIL un documento sulla sicurezza per gli operatori della raccolta dei rifiuti e dell’igiene urbana frutto di uno studio di settore condotto dalla CONTARP dell’INAIL, compreso in un’attività più ampia che la stessa consulenza svolge sugli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro nel campo della gestione dei rifiuti e delle acque reflue.

giovedì 6 ottobre 2011

Dall'INAIL un vademecum per il medico competente della pubblica amministrazione

Consulta il documento INAIL

On line una banca dati INAIL per gli infortuni professionali

Una risorsa di grande importanza informativa e portata analitica per "fotografare"  gli incidenti sul lavoro nell'ottica specifica delle professioni: è questo l'oggetto della nuova banca dati dell'INAIL attiva da oggi nella sezione STATISTICHE del portale dell'Istituto.

SUVA: l'elettricità in tutta sicurezza


La pubblicazione vuole attirare l’attenzione sui pericoli dell'elettricità, presentando situazioni tipiche e ricordando le principali norme di sicurezza.

giovedì 29 settembre 2011

martedì 27 settembre 2011

Guida Rischio biologico

L’INAIL ha pubblicato un manuale sul rischio biologico, con l’obiettivo di mettere in evidenza l’importanza di una corretta valutazione di questo rischio nei diversi ambienti di lavoro.


Scarica il manuale

RIFIUTI METALLICI: IL 9 OTTOBRE ENTRA IN VIGORE IL REGOLAMENTO COMUNITARIO 333-2011


Il Consiglio europeo ha pubblicato il Regolamento n. 333/2011 chefissa i criteri in base ai quali alcuni tipi di rottami di ferro, acciaio, alluminio e leghe di alluminio cessano di essere considerati rifiuti (End of Waste) e possono essere commercializzati direttamente come rottami.

Il regolamento è entrato in vigore il 28 aprile, ma si applica dal 9 ottobre 2011 per consentire agli operatori di conformarsi ai criteri in esso contenuti.

Guida alla valutazione dei rischi per gli addetti alle pulizie


L’OSHA ha pubblicato una guida con lo scopo di informare sia i datori di lavoro che i lavoratori del settore delle pulizie sui pericoli insiti in questa attività e di come è possibile prevenirei rischi.



Scarica la guida

sabato 24 settembre 2011

Ilaria Trovato: Corsi di formazione

Corsi di formazione: Corso per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza 32 ore Date corso: 17-18-19-20-21-22/10/2011 Corso per apprendisti 120 o...

martedì 13 settembre 2011

Guida al sopralluogo in aziende del comparto metalmeccanico

La Regione Lombardia ha pubblicato un documento denominato GUIDA AL SOPRALLUOGO, con lo scopo di fornire uno strumento di riferimento su come effettuare una visita ispettiva.

Scarica la check list

lunedì 12 settembre 2011

La commissione Bilancio del Senato salva il SISTRI


La Commissione Bilancio del Senato salva il Sistema di tracciabilità dei rifiuti industriali, che era stato abrogato nella versione originaria della manovra di Ferragosto. E' atteso per questa sera alle 20:00 il voto di fiducia, che deciderà anche le sorti del SISTRI.

TRE IMPORTANTI NOVITA'
Il Sistri entrerà in vigore a partire dal 9 febbraio 2012, le circa 60mila imprese interessate avranno così cinque mesi di tempo per cercare di affrontare le complicazioni procedurali e nelle difficoltà tecnologiche che hanno denunciato con forza nei mesi scorsi.
Il ministero dell'Ambiente sarà chiamato a confrontarsi con rappresentanze di imprese e gestori proprio per mettere nero su bianco le criticità finora emerse e individuare eventuali rimedi
La possibilità di definire una serie di esoneri, sarà un Decreto del Ministero dell'Ambiente con quello della Semplificazione a definire un regime di esenzioni parziali o totali dal Sistri solo per i rifiuti non pericolosi.

Guida per un cantiere impeccabile


Pubblicata la guida dal titolo "Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? allora sei un... committente! COMPITI E RESPONSABILITA' DEL COMMITTENTE, GUIDA DI AIUTO PER UN CANTIERE SICURO", contenente tutte le informazioni sulla figura del committente, sugli obblighi, gli adempimenti e responsabilità ed è corredata da schemi, tabelle e immagini. 

La guida è rivolta ai privati cittadini, ai proprietari di immobili, agli amministratori di condominio, ai titolari di aziende (anche agricole), ai "responsabili di procedimento" pubblici e a chiunque abbia la necessità di costruire una nuova opera edile o di intervenire su una esistente con lavori di riparazione, manutenzione (anche di piccola entità) ed installazione impianti.


Scarica la guida

martedì 6 settembre 2011

Il Rischio chimico nel settore acconciature


Un'opuscolo a cura dell'INAIL rivolto agli operatori del settore acconciatura, comparto costituito da aziende prevalentemente a carattere artigianale.
In particolare l’opuscolo vuole essere uno strumento informativo sul rischio chimico correlato ai prodotti utilizzati nelle diverse fasi di lavoro e sulla adozione di elementari norme di sicurezza e buona pratica che consentono di prevenire i rischi per la salute.

giovedì 1 settembre 2011

Ilaria Trovato: Corsi di formazione

Ilaria Trovato: Corsi di formazione: E' in programma il Corso di formazione "PRIMO SOCCORSO" di 16 h. Il corso è previsto nei gg 19-20-21-22 Settembre . E ' in pr...

martedì 30 agosto 2011

Decreto 5 Agosto 2011 Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno

Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139.

Scarica decreto

giovedì 25 agosto 2011

D.Lgs. 136/2011 sulla formazione gente di mare


Il decreto si applica ai lavoratori marittimi italiani, ai lavoratori marittimi di Stati membri ed a quelli di Paesi terzi titolari di un certificato rilasciato da uno Stato membro, che prestano servizio a bordo di navi battenti bandiera italiana adibite alla navigazione marittima ad eccezione: 
a) delle navi militari o destinate al trasporto truppe o altre navi di proprieta' o gestite dagli Stati che siano utilizzate esclusivamente per servizi governativi non commerciali;  
b) delle navi da pesca;  
c) delle unita' da diporto che non effettuano alcun traffico commerciale; 
d) delle imbarcazioni di legno di costruzione rudimentale. 

E' in vigore dal 25 agosto 2011.


Scarica il decreto



mercoledì 24 agosto 2011

Ilaria Trovato: Corsi di formazione

Ilaria Trovato: Ilaria Trovato: Corsi di formazione: Ilaria Trovato: Corsi di formazione : "E' in programma il Corso di formazione 'PRIMO SOCCORSO' di 16 h. Il corso è previsto nei gg 19-20-21...

DM 12/05/2011 N.110 "Regolamento di attuazione dell’articolo 10, comma 1, della legge 4 gennaio 1990, n. 1, relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetista"


Entrato in vigore il 30 luglio, prevede nuove disposizioni per gli apparecchi elettromedicali usati nelle attività di estetica, tra le quali lampade abbronzanti, apparecchi per massaggi, elettrostimolatori e laser a uso estetico e terapeutico.

In allegato il decreto e gli allegati contenenti l'elenco completo degli apparecchi interessati dalla direttiva e le schede tecniche per l'uso. Per ogni apparecchio elettromeccanico vengono definiti:
- i riferimenti delle norme tecniche che devono essere adottate dai fabbricanti; 
- le caratteristiche tecnico-dinamiche ed i meccanismi di regolazione; 
- le modalità di esercizio e di applicazione; 
- le cautele d'uso.


Scarica il decreto
Scarica li allegati del decreto

mercoledì 3 agosto 2011

Circolare n. 20 del 29/07/2011 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali riguardo attività di formazione

La Circolare n. 20 del 29 luglio 2011 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce chiarimenti in merito all’attività di formazione svolta dagli enti bilaterali e dagli organismi paritetici.

martedì 2 agosto 2011

proroga del DM che regolamenterà le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Il Decreto che doveva entrare in vigore il 28 luglio 2011, entrerà in vigore il 24 gennaio 2012, a 270 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

giovedì 28 luglio 2011

Chiarimenti sulle linee guida UNI INAIL e BS OHSAS 18001

La Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha approvato nella seduta del 20 aprile 2011 il documento con cui ha provveduto a fornire i primi chiarimenti sul sistema di controllo (comma 4 dell’art. 30 del D. Lgs. n.81/2008) ed indicazioni per l’adozione del sistema disciplinare (comma 3 dell’art.30 del D. Lgs. n.81/2008) per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo e di gestione definito conformemente alle Linee Guida UNI INAIL (edizione 2001) o alle BS OHSAS 18001:2007 con Tabella di correlazione tra l’art.30 del D.Lgs. n.81/2008, Linee Guida UNI INAIL, BS OHSAS 18001:2007 per l’identificazione delle “parti corrispondenti” di cui al comma 5 dell’art. 30.

Gruppi elettrogeni: nuove disposizioni in materia di prevenzione incendi - DM 13/07/2011

Pubblicato il Decreto Ministeriale del 13 luglio 2011, con il quale il Ministero dell’Interno ha abrogato e sostituito le disposizioni legislative che regolamentano la regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione dei gruppi elettrogeni con l'approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi.
Il nuovo provvedimento entrerà in vigore il 20 settembre 2011 e si applicherà alle nuove realizzazioni ed installazioni (fisse e mobili) di motori a combustione interna accoppiati a macchine generatrici di energia elettrica o di macchine operatrici e alle unità di cogenerazione aventi potenza elettrica complessiva non superiore a 10.000kW a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi. 
Sono esclusi dal campo di applicazione gli impianti:
- esistenti che, alla data del 20 settembre 2011, hanno ottenuto l’approvazione del progetto da parte del competente Comando provinciale dei vigili del fuoco e il Certificato di prevenzione incendi (CPI);
- inseriti in processi di produzione industriale, installazioni antincendio, stazioni elettriche, centrali idroelettriche, dighe e ripetitori radio ed installazioni impiegate al movimento di qualsiasi struttura.  
Il nuovo provvedimento, nell’approvare la regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti in questione, in sintesi dispone che gli stessi devono essere realizzati in modo da:
- evitare la fuoriuscita accidentale di combustibile;
- limitare, in caso di incendio o esplosione, danni alle persone, agli animali ed ai beni;
- consentire ai soccorritori di operare in condizioni di sicurezza.



Entrerà in vigore il 28/7/2011 il Decreto sulle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro?

Previsto un differimento di qualche mese dell'entrata in vigore del D.I. 14/4/2011 contenente le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro di cui all'allegato VII del D. Lgs. n. 81/2008 nonché i criteri per l'abilitazione dei soggetti autorizzati ad effettuare tali verifiche. Se non differito entra in vigore il 28/7/2011.

martedì 19 luglio 2011

FAQ Regione Piemonte

La Regione Piemonte ha messo a disposizione una pubblicazione dal titolo "Quesiti sulla sicurezza nei luoghi di lavoro", a cura del servizio "Info.Sicuri" della stessa regione. 


giovedì 14 luglio 2011

Prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario

La direttiva 2010/32/UE affronta questa problematica dando attuazione all'accordo quadro in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario sottoscritto da HOSPEEM (Associazione europea datori di lavoro del settore ospedaliero e sanitario) ed FSESP (Federazione sindacale europea dei servizi pubblici) nella veste di partner sociali europei. 
L'obiettivo della direttiva è di garantire la massima sicurezza possibile dell'ambiente di lavoro tramite la prevenzione delle ferite provocate da tutti i tipi di dispositivi medici taglienti (punture di ago comprese) e tramite la protezione dei lavoratori a rischio nel settore ospedaliero e sanitario. 
Tutto ciò è possibile attuando le seguenti misure preventive e di protezione:
- soppressione dell’uso non necessario di oggetti taglienti o acuminati, fornitura di dispositivi    medici, 
- dotazione di meccanismi di protezione e di sicurezza, 
- applicazione di sistemi di lavoro sicuri, 
- attuazione di procedure di utilizzo e di eliminazione sicure di dispositivi medici taglienti, 
- divieto della pratica di reincappucciamento degli aghi, 
- utilizzo di dispositivi di protezione individuale, 
- vaccinazione, 
- informazione e formazione

D.Lgs. 231/2001 Responsabilità persone giuridiche

Raffaele Guariniello: Lectio Magistralis sul D.Lgs. 81/2008 e 231/2001 


Estratto 25/5/11


DM 11/04/2011 Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche ai sensi dell'ALL. VII del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.

Nuovi obblighi a carico dei datori di lavoro che mettono in servizio attrezzature indicate nell'allegato VII del D.Lgs 81/2008 e ss.mm.ii.
Entra in vigore il 28 Luglio il DM 11/04/2011, relativo alle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature e ai criteri per l'abilitazione dei soggetti che potranno fare le verifiche.

martedì 12 luglio 2011

Valutazione del rumore in edilizia: nuove regole

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con apposita Lettera Circolare, ha approvato la nuova Banca dati CPT Torino, al fine di rispondere alle richieste dell'art. 190 del D.Lgs. 81/2008 che stabilisce l'emissione sonora delle attrezzature e delle macchine di lavoro in campo edile, che può essere stimata in fase di progetto facendo riferimento a livelli di rumore standard, individuati da studi e misurazioni attendibili.

mercoledì 6 luglio 2011

Adeguamento e manutenzione dei trattori agricoli o forestali - Allegato V D. Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.

Le linee guida specificano le necessarie misure tecniche che i datori di lavoro ed i lavoratori autonomi devono mettere in atto ai fini dell’adeguamento dei trattori o forestali ai pertinenti requisiti di sicurezza di cui all’allegato V al D. Lgs. 81/08.

lunedì 4 luglio 2011

Aggiornamento della formazione antincendio

Il D.Lgs. 81/08 all'art. 37 co. 9 dispone per tali addetti una formazione specifica e un obbligo di aggiornamento periodico senza peraltro dare indicazioni in merito alla definizione dei contenuti e alle modalità dell'aggiornamento stesso in quanto, in attesa dei decreti attuativi previsti dall'art. 46 co. 3, continua a trovare applicazione il D.M. 10/03/98 che niente dice in proposito.
Di recente una comunicazione emanata dal Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile - direzione generale per la formazione ed indirizzata ai vari Comandi Prov.li dei VV. FF. ha fornito utilissime indicazioni in merito ai contenuti dei corsi di aggiornamento periodico per gli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze.

martedì 21 giugno 2011

8 punti chiave per la redazione e l'aggiornamento del DVR

Lo S.P.I.S.A.L. (Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro) USSL 5 dell'Ovest Vicentino, propone 8 punti chiave per la redazione e l'aggiornamento del DVR.
  1. Adeguamento ai criteri dell’art 28
    Il DVR deve essere redatto dal Datore di Lavoro che deve adottare criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantirne la completezza e l’idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione.
  2. Analisi dei rischi e redazione del DVR
    Per quanto riguarda cosa valutare, la norma è già molto dettagliata. Si suggerisce di aggiornare l’elenco dei nominativi dei lavoratori con i relativi rischi a cui sono sottoposti con ragionevole periodicità (almeno ogni tre mesi).
  3. Definizione dell’Organigramma
    Occorre indicare dettagliatamente i nomi di chi è incaricato di eseguire e/o controllare adempimenti relativi alla Gestione della Sicurezza.
  4. Impegno del DdL sulla missione della sicurezza aziendale
    Il DdL deve scrivere e comunicare a tutti i Lavoratori la sua politica della sicurezza.
  5. Istituzione formale nel DVR della struttura incaricata dell’analisi infortuni significativi
  6. Scheda macchina/impianto
    E’ uno strumento strategico per attivare la gestione della manutenzione in sicurezza.
  7. Informazione, formazione e addestramento
    Occorre istruire e formare adeguatamente i lavoratori in relazione alla mansione svolta.
  8. Il protocollo sanitario
    E’ fondamentale prevedere un opportuno protocollo sanitario, partendo dall’elenco dei lavoratori e delle relative mansioni. Se necessari occorre nominare un Medico Competente.

lunedì 13 giugno 2011

Guida per la redazione del DVR

Documento guida per la redazione di un Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) a cura del Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti Lavoro (SPISAL) dell’ ULSS 5 dell’Ovest vicentino.

Scarica il documento

Adeguamento dei trattori agricoli e forestali

Dall'INAIL un documento sull'adeguamento dei trattori agricoli e forestali.


Scarica il documento

giovedì 26 maggio 2011

D.P.C.M. n. 277 del 23 dicembre 2010 Contributi per le aziende che prevedono la flessibilità di orario

Il Consiglio dei Ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 101 del 3 maggio 2011, il D.P.C.M. n. 277 del 23 dicembre 2010, contenente il regolamento con i criteri e modalità per la concessione dei contributi in favore di aziende che applichino accordi contrattuali che prevedono azioni positive per la flessibilità di orario.

Decreto sulle verifiche degli Apparecchi di Sollevamento e sulla abilitazione dei verificatori

E' stato modificato il regime delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro, in particolare degli apparecchi di sollevamento di cui all'Allegato VII del D.Lgs. 81/08.
E' stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Interministeriale dell' 11/4/2011 contenente le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro nonché i criteri per l'abilitazione dei soggetti autorizzati ad effettuare le verifiche di cui all'articolo 71 comma 13 del medesimo Decreto.
Il provvedimento entra in vigore dal 28/07/2011 (90 giorni dopo la pubblicazione in G.U.), ad eccezione dell’Allegato III, concernente le modalità per l’abilitazione, il controllo ed il monitoraggio dei soggetti pubblici e privati incaricati delle verifiche, entrato invece in vigore il 30/04/2011.
Si rammenta che l’art. 71, commi 11, 12 e 13, del D.Lgs. 81/2008, prevede l’obbligo a carico del datore di lavoro di sottoporre le attrezzature di lavoro riportate nell’Allegato VII a verifiche periodiche volte a valutarne l’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo Allegato.
Titolare della prima verifica, da effettuarsi nel termine di 60 giorni dalla richiesta, è l’Inail (in sostituzione dell’Ispesl, citato nel testo del D.Lgs. 81/2008 ma nel frattempo soppresso, e le cui funzioni sono state assorbite dall’Inail), mentre ricade in capo alle ASL la titolarità delle verifiche periodiche successive, da effettuarsi nel termine di 30 giorni dalla richiesta da parte del datore di lavoro.
ASL e Inail possono a loro volta avvalersi del supporto di soggetti pubblici e privati abilitati (ai sensi del nuovo decreto in esame), cui il datore di lavoro può in ogni caso rivolgersi in caso di mancato rispetto da parte degli Enti preposti dei termini per le verifiche.
I soggetti pubblici o privati sono a loro volta comunque tenuti al rispetto dei termini temporali di cui sopra, previsti dal Testo Unico per la Prima Verifica periodica e per quelle successive.
Il decreto individua dunque le modalità per l’abilitazione dei soggetti abilitati, pubblici o privati, di cui i titolari della funzione di verifica si possono avvalere, e che verranno iscritti in un apposito elenco costituito presso l’Inail, le ASL o su base regionale.

Linee Guida dell'INAIL per la Valutazione dello Stress Lavoro correlato

L'INAIL ha messo a disposizione delle aziende gli strumenti e le linee guida per procedere alla valutazione e alla gestione del rischio stressa lavoro-correlato, diventato un adempimento obbligatorio per le imprese a seguito delle disposizioni del Testo unico sulla sicurezza e delle sue successive integrazioni.

domenica 22 maggio 2011

Responsabilità del lavoratore

Cassazione Penale Sez. IV - Sentenza n. 10644 del 16 marzo 2011.


Chiedimi la sentenza

Sottocomitati UNI

(Fonte UNI) L' 11 aprile 2011 è stata approvata la costituzione dei due Sottocomitati "Salute e sicurezza sul lavoro" e "Sicurezza domestica e delle attività di tempo libero" del Comitato "Sicurezza" UNI.
Sono stati creati con il compito di definire le linee di indirizzo su cui basare la programmazione dell’attività tecnico normativa, evidenziare gli argomenti di interesse o quelli non previsti dalla programmazione annuale delle Commissioni Tecniche UNI e degli Enti Federati e, infine, valutare le richieste di esecuzione di lavori di normazione tecnica di particolare rilievo strategico, i due Sottocomitati si riuniranno entro la fine di maggio.
Il Sottocomitato "Salute e Sicurezza sul lavoro" si occuperà di attività riguardanti i temi correlati con le regole vigenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori durante il lavoro, quali ad esempio le misure generali di prevenzione e protezione relative ai luoghi di lavoro, l'uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, gli aspetti ergonomici, le misure di prevenzione e protezione da agenti chimici, fisici, biologici e quelle di prevenzione e di lotta agli incendi di emergenza e di prevenzione delle esplosioni.
La partecipazione ai due Sottocomitati è aperta alle organizzazioni ed associazioni rappresentative di parti imprenditoriali e sociali interessate, alle Commissioni Tecniche UNI e gli Enti Federati interessati e ai rappresentanti dei Ministeri e delle Pubbliche Amministrazioni di competenza. 

Responsabilità del dirigente pubblico in materia di sicurezza

Cassazione Penale Sezione IV – Sentenza n. 34804 del 27 settembre 2010


Chiedimi la sentenza

Linee Guida Regione Lombardia per la bonifica di manufatti contenenti fibre vetrose artificiali

Scarica le Linee Guida

venerdì 20 maggio 2011

Scavi e movimento terra

Il Gruppo Edilizia Regione Veneto in riferimento all’edilizia civile e restringendo il campo alla tipologia di villette a schiera, piccoli condomini pluripiano ed alle soluzioni tecnologiche maggiormente diffuse, presenta alcuni risultati.


Scarica il documento

Guida all'etichettatura e l'imballaggio di sostanze e miscele

L’ECHA, European Chemicals Agency (Agenzia europea per le sostanze chimiche), ha pubblicato una guida che contiene indicazioni approfondite riguardanti le norme sull'etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele.

GUIDA PER DIFENDERSI DALLE MALATTIE PROFESSIONALI

Guida dal titolo "MALATTIE PROFESSIONALI: L'ABILITA' STA NEL DIFENDERSI", sugli indennizzi ed i risarcimenti del sistema assicurativo in Italia, pubblicata da INCA - CGIL.


CONSULTA LA GUIDA

mercoledì 18 maggio 2011

Pensionamento anticipato per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.108 dell'11 maggio scorso, il Decreto legislativo 21 aprile 2011  recante, "Decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67 Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell’articolo 1 della legge 4 novembre 201, n. 183". 
Entrata in vigore 26/05/2011.

CONSULTA LA GAZZETTA UFFICIALE

mercoledì 4 maggio 2011

sabato 16 aprile 2011

Al via il fondo per le vittime di amianto

13 aprile 2011. Entra in vigore oggi il decreto che stabilisce l'organizzazione, il finanziamento e le modalità di erogazione della prestazione aggiuntiva ai lavoratori titolari di rendita a seguito di una patologia asbesto-correlata.

venerdì 15 aprile 2011

Lavori elettrici sotto tensione - Decreto 4 febbraio 2011

È stato emanato il decreto 4 febbraio 2011 che definisce i criteri per il rilascio delle autorizzazioni ai lavori elettrici nei sistemi di II categoria.



Rumore e rischio ictus

Il sito dell’INAIL riporta uno studio pubblicato sull’ European Heart Journal ad opera dell’Institute of Cancer Epidemiology of Copenaghen, secondo il quale i soggetti esposti a rumore sarebbero a rischio maggiore per ictus.
In un campione di oltre 50.000 volontari sarebbe evidente, secondo i ricercatori danesi, che ad ogni aumento di intensità di esposizione a rumore di 10 decibel, corrisponde un aumento del rischio del 14% tra gli over 50 anni. Il rischio infatti sembra aumentare soprattutto tra le classi senior rispetto alle classi junior.
Quello degli effetti extrauditivi del rumore è un tema antico. Sebbene esistano delle indicazioni non è mai stata provata la correlazione tra patologie extrauditive e rumore.
Tuttavia non è poca cosa che la legislazione italiana in tema di tutela assicurativa e di patologie professionali tenga conto di ciò.
Infatti nell’elenco delle patologie per le quali vige l’obbligo di denuncia (Decreto Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali del 11 dicembre 2009), nella Lista III (malattie la cui origine lavorativa è possibile), nel Gruppo 2, sono incluse la “malattie dell’apparato cardiocircolatorio, digerente, endocrino, neuropsichiche” in lavoratori esposti a “rumore (effetti extrauditivi)”.
Ciò significa che il medico dovrebbe effettuare la denuncia di malattia professionale, negli esposti a rumore, che avessero patologie cardiovascolari, del tratto digerente, malattie endocrine e neuropsichiche (fonte medicocompetente.blogspot.com).

Dal SUVA, consigli e misure di protezione dalle polveri di toner

"Le polveri di toner emesse dalle stampanti con tecnologia laser e dalla fotocopiatrici possono causare disturbi soprattutto nei soggetti con mucose ipersensibili nelle vie respiratorie superiori e inferiori. In genere, le reazioni di ipersensibilità non specifiche dovute agli effetti irritativi di queste emissioni possono essere evitate migliorando l'igiene del posto di lavoro. Soltanto in casi rari sono state documentate delle vere e proprie allergie al toner. Gli studi epidemiologici non hanno stabilito relazioni causali certe fra queste emissioni e le malattie croniche dell'apparato respiratorio o le malattie polmonari interstiziali. In base ai risultati degli studi sperimentali e dei test sugli animali, non si esclude che le polveri di toner possano avere un effetto cancerogeno. I dati attualmente disponibili non permettono tuttavia di trarre delle conclusioni definitive, soprattutto perché non sono ancora stati svolti degli studi epidemiologici sul rapporto tra l'esposizione a  polveri di toner e un maggiore rischio di tumori maligni delle vie respiratorie. A titolo preventivo, la Suva consiglia delle misure di protezione generali per ridurre il rischio di esposizione alle polveri di toner e alle particelle ultrafini nonché delle misure specifiche per contrastare gli effetti di un'elevata esposizione, ad esempio in caso di guasto dell'apparecchiatura o durante le operazioni di manutenzione e riparazione. I collaboratori che manifestano disturbi di orgine professionale devono sottoporsi a degli accertamenti. La presente scheda informativa, regolarmente aggiornata in base alle nuove pubblicazioni specialistiche, propone una sintesi delle attuali conoscenze sulle polveri di toner." 


Scarica il documento 

giovedì 31 marzo 2011

Rischio di caduta dall'alto - Linee di indirizzo e Check list

Il Dipartimento di Prevenzione SPISAL dell’ULSS 5 dell'Ovest vicentino, ha predisposto delle linee d'indirizzo, per far sì che i datori di lavoro e i loro consulenti possano integrare il Documento valutazione Rischi con la parte attinente ai rischi relativi agli accessi ai tetti degli edifici.


MUD 2010

È on-line l'applicazione per la compilazione dei modelli MUD 2010 previsti dalla Circolare del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 03/03/2011 recante indicazioni operative relative all'assolvimento degli obblighi di comunicazione annuale di cui alla legge 70/94, al DPCM 27/04/2010 e all'art.12 del DM 17/12/2009, come modificato con DM 22/12/2010.


Scarica la circolare

Circolare del 24 marzo 2011 sullo sportello unico

Pubblicata la Circolare 24 marzo 20011 sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n° 160).


Scarica la circolare